Migrare per non morire 6 novembre, 2016 | Redazione A Sud


Dettaglio eventi


1Migrare per non morire

Come e perchè milioni di persone abbandonano la propria casa

 

Trento, via Garibaldi 33 | h. 9:30-12:30

Fondazione Cassa di risparmio di Trento e Rovereto

 

 

 

Locandina(pdf) (jpg)

Sito web Il gioco degli specchi

Sito web Migrare per non morire

Evento Facebook

 

 

Il 10 novembre A Sud e il CDCA – Centro Documentazione Conflitti Ambientali parteciperanno al convegno voluto dall’associazione 46° parallelo e organizzato dal Gioco degli Specchi nell’ambito del progetto biennale “Il rifiuto della Terra. Ambiente devastato e migrazioni”, condotto in collaborazione con Amnesty International Trento, ATAS Onlus, In Medias Res, Ingegneria Senza Frontiere, Yaku e Associazione 46° parallelo, con il sostegno del Comune di Trento, Provincia Autonoma di Trento, Regione Trentino Alto Adige/Süd Tirol, con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Trento e Rovereto.

 

Il convegno si svolgerà nella  a Trento, si tiene un convegno per comprendere le cause delle migrazioni che stanno investendo anche l’Europa.

 

Dalle ore 9.30  alle 12.30 parleranno Raffaele Crocco, direttore dell’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo e giornalista Rai, Marzia Bona, ricercatrice per Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa e Salvatore Altiero, dell’associazione A Sud e CDCA – Centro Documentazione Conflitti ambientali.

 

Dopo una breve pausa pranzo si riprende alle 14.00 fino alle 17 con Emanuele Giordana, giornalista, scrittore e asiatista, Nicholas Tomeo, difensore legale e attivista per i diritti umani e Luciano Scalettari, vicecaporedattore di Famiglia Cristiana e scrittore.

 

I relatori si alternano all’incirca a scadenza oraria, con spazio per commenti e domande dal pubblico. Ad introdurre gli ospiti e moderare gli interventi sarà Laura Strada, giornalista della terza rete RAI.

 

Il convegno cercherà di spiegare i motivi delle migrazioni, offre al pubblico il punto di vista e l’esperienza di sei relatori – giornalisti, scrittori, ricercatori – , coinvolti professionalmente e personalmente nella descrizione e nell’analisi delle cause delle migrazioni forzate che si verificano in tutto il mondo.

 

Molti fuggono da una guerra devastante, ma le guerre da cosa sono causate? e il termine migrante economico a quale realtà corrisponde esattamente? forse ad una devastazione ambientale che non consente la vita e di cui è responsabile un’economia globalizzata col mito della crescita senza limiti.

 

Come le vedevamo in cammino da un paese all’altro dell’Africa, ora vediamo folle di migranti  che cercano di arrivare in Europa, di attraversare il Mediterraneo e in troppi vi muoiono, che cercano nuove vie e sono respinti dai fili spinati sulla rotta dei Balcani, dimenticati in Grecia, in Turchia e nell’Africa settentrionale. Preda di politiche interne e di logiche elettorali, vittime di grandi giochi diplomatici e merce per la criminalità, sono persone che cercano di arrivare in paesi che innalzano la bandiera dei diritti umani.

 

Gli incontri sono a ingresso libero e gratuito.

 

PROGRAMMA:

 

Modera: Laura Strada, giornalista Rai

 

Intervengono:

 

0re 9:30-12:30

 

Raffaele Crocco

direttore dell’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo e giornalista Rai

 

Marzia Bona
ricercatrice per OBC Transeuropa

 

Salvatore Altiero
associazione A Sud e CDCA – Centro Documentazione Conflitti ambientali

 

ore 14:00 – 17:00

 

Emanuele Giordana
giornalista, scrittore e asiatista

 

Nicholas Tomeo
difensore legale e attivista per i diritti umani

 

Luciano Scalettari
vicecaporedattore di Famiglia Cristiana e scrittore

 



Back to Top ↑